20.09.21

Dal 15 ottobre green pass obbligatorio per tutti i lavoratori

E' stato pubblicato in gazzetta ufficiale il D.L. n. 127 del 21/09/2021 che introduce misure urgenti per assicurare lo svolgimento in sicurezza del lavoro pubblico e privato mediante l’estensione dell’ambito applicativo della certificazione verde COVID-19.

Dal 15 ottobre prossimo, per accedere ai luoghi di lavoro, si deve essere in possesso del green pass e come previsto espressamente dal decreto “i datori di lavoro sono tenuti a verificare il rispetto delle prescrizioni”.

All’ingresso degli uffici e delle aziende i dipendenti dovranno esibire la certificazione verde al responsabile delle verifiche, che dovrà essere individuato dai vertici aziendali; al momento della verifica chi non ha il green pass non potrà accedere all’interno dei luoghi di lavoro e verrà considerato assente. Il rapporto di lavoro sarà quindi sospeso e non saranno dovuti retribuzione e altri compensi o emolumenti.

La riammissione in servizio è subordinata al possesso di valida certificazione verde mentre non ci sono conseguenze disciplinari e si mantiene il diritto alla conservazione del rapporto di lavoro. Inoltre, per coloro che sono colti senza la certificazione sul luogo di lavoro è prevista la sanzione pecuniaria da 600 a 1.500 euro.

Linee guida in arrivo

Dopo la pubblicazione del decreto, sono ora attese le linee guida del Governo «per la omogenea definizione delle modalità organizzative» che i ministeri competenti stanno predisponendo e che saranno pubblicate entro il 15 Ottobre; non sono ancora chiare le modalità di verifica del green pass anche se è possibile ipotizzare l'utilizzo dell' app. «VerifiCaC19» già impiegata in alcuni settori.