17.04.2

Prenotazione al Fondo di Garanzia dei prestiti fino a 25 mila euro – PRECISAZIONI

Il Mediocredito Centrale ha già reso operativa la procedura che consente alle banche di richiedere la garanzia statale del 100%, per il tramite del Fondo Centrale, a fronte dei finanziamenti fino a 25.000 euro (fermo restando il limite massimo del 25% del fatturato) destinati a PMI e partite IVA individuali.

Le banche potranno ora procedere concretamente all’erogazione del finanziamento, una volta ricevuto dal Fondo il riscontro della presa in carico della pratica.

Per quanto concerne la compilazione del modulo di richiesta “Allegato 4-bis” (si rimanda alla nostra circolare informativa n.13/2020), l’ABI ha precisato che:

- in corrispondenza del punto 13 del modello, va indicata la finalità per la quale è chiesto il finanziamento (ad esempio “liquidità per compensare ritardati o mancati incassi da clienti”, “liquidità per elasticità di cassa”, “liquidità per pagamento stipendi e fornitori”);

- in corrispondenza del punto 17 del modello, non vanno indicati i contributi de-minimis ricevuti nel triennio 2018-2020, ma solo gli eventuali altri aiuti “COVID-19” di cui si sia già fruito sottoforma di sovvenzioni dirette, anticipi rimborsabili o agevolazioni fiscali e comunque diversi da quelli concessi dal Fondo di Garanzia.

L’impresa potrà accedere al portale web del Fondo di Garanzia, per visualizzare lo stato di lavorazione delle sue richieste di garanzia e per evadere, in una fase successiva, eventuali adempimenti a proprio carico a seguito di controlli documentali e/o esclusioni di garanzia.

Le credenziali per l’accesso al Portale sono inviate dal Fondo all’impresa sull’indirizzo di posta elettronica indicato nel modulo.

Poiché le dotazioni finanziarie non sono illimitate, si raccomanda di contattare con tempestività il proprio istituto di credito di riferimento.

Da ultimo, si precisa che il divieto di distribuzione di dividendi o riacquisto di azioni proprie, nel corso del 2020, trova efficacia solo a fronte di garanzia concessa da SACE SpA.