06.12.18

Dichiarazioni d’intento 2019

Ricordiamo in questa sede che l’esportatore abituale che intende effettuare acquisti di beni senza applicazione dell’IVA, ha l’obbligo di comunicare all’Agenzia delle Entrate i dati delle dichiarazioni d’intento.

Per le dichiarazioni di intento emesse, è prassi ormai consolidata quella di inviare nel mese di dicembre le dichiarazioni d’intento che avranno effetto dal mese di gennaio dell’anno successivo. Infatti se l’esportatore abituale emette le dichiarazioni nel corso del 2019, queste avranno effetto solo dalla data di presentazione all’Agenzia delle Entrate. Ad esempio una dichiarazione inviata il 27.01.2019 avrà efficacia per le operazioni ricomprese nell’arco temporale che va dal 27.01.2019 alla data di scadenza. In questi casi per le operazioni poste in essere nell’arco temporale ricompreso fra l’inizio validità ed il giorno in cui è avvenuta la trasmissione telematica, si dovrà provvedere alla fatturazione delle stesse con IVA, in quanto la data di inizio validità della lettera d’intento non potrà mai essere precedente alla data di trasmissione all’Agenzia delle Entrate.

Il cedente/prestatore è sempre obbligato a verificare telematicamente l’avvenuta presentazione della comunicazione (mediante riscontro con la ricevuta su apposito sito internet).